ritrovo d'arte

Versione completa: la tecnica di Heather Rooney
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Pagine: 1 2 3 4 5 6
Non ho compreso il trucco ,ma visto che è un genere di tecnica che non mi importa di apprendere , preferisco fidarmi della valutazione autorevole di Alessandro e passare ad altro.
(19-12-2017, 04:03 PM)molinari.sandro Ha scritto: [ -> ]continuate a parlare di abilita' abilita'.....ma a fare cosa?? facepalm
E' cosi' semplice che fa davvero sorridere e ogni prestigiatore conosce questa regoletta, fai guardare da una parte il pubblico mentre tu agisci indisturbato e.....magia! asd

Il materiale non c'entra nulla, quella e' solo la "direzione" nella quale venite spinti a guardare.

Aprop. il filmato e' tarocco, occhio! asd

Io credo di aver capito cosa intendi asd
Comunque, ammesso che non ti stai burlando di noi.. asd dovresti adesso snocciolare qual'è il trucco di questa magia da prestigiatore Big Grin
bè, Alessandro notoriamente non è un grande fan dei video di youtube asd
Ma usa un bisturi Big Grin ? Rallentate la velocità del video al minimo e spostate il cursore a 0:30 o a 1:22

Da piccolo mi sforzavo anch'io a disegnare "foto- realisticamente". Ci riuscivo persino. Ho smesso a 16 anni circa, nonostante notai fosse qualcosa che stupiva molti (?). Semplicemente capì che il mio scopo era studiare ciò che guardavo e soprattutto divertirmi. Copiare toglie tutto il divertimento!
Poi non ci trovo nessuna abilità oltre a quella di copiare pedissequamente da una foto ogni inutile dettaglio.... Ho conosciuto altri ragazzi che disegnano/dipingono "foto-realisticamente" e ho notato più volte che senza uno schermo accesso da cui attingere le immagini avevano davvero tanta difficoltà a disegnare dal vero..
(16-01-2018, 04:33 AM)Modula-2 Ha scritto: [ -> ]Ma usa un bisturi Big Grin ? Rallentate la velocità del video al minimo e spostate il cursore  a 0:30 o a 1:22

Da piccolo mi sforzavo anch'io a disegnare "foto- realisticamente". Ci riuscivo persino. Ho smesso a 16 anni circa, nonostante notai fosse qualcosa che stupiva molti (?).  Semplicemente capì che il mio scopo era studiare ciò che guardavo e soprattutto divertirmi. Copiare  toglie tutto il divertimento!
Poi non ci trovo nessuna abilità oltre a quella di copiare pedissequamente da una foto ogni inutile dettaglio.... Ho conosciuto altri ragazzi che disegnano/dipingono "foto-realisticamente" e ho notato più volte che senza uno schermo accesso da cui attingere le immagini avevano davvero tanta difficoltà a disegnare dal vero..



Si usa un taglierino, probabilmente per ottenere alte luci ''scavando'' nella cera delle matite.

Premessa: a me piace raccogliere le suggestioni che trovo in alcuni post, e farci sopra dei discorsi, di solito, quando ho tempo. Evitando il più possibile le righe veloci..che più che altro ammazzano i post e i topic, magari pregni di potenzialità.
Allo stesso modo do agli altri, nel mio modesto scritto, diversi spunti per dire qualcosa.

Avrei potuto iniziare questo topic con ''la tecnica di Caio con l'olio'', piuttosto che ''la tecnica di Sempronio con l'acrilico''. E forse li farò, perché mi pare giusto dare spazio all'arte ''spettacolo'', se volete chiamare così l'attività di una persona che usa con tanta abilità un medium artistico. La Rooney è solo una delle (quasi) tante. Con le matite, tecnicamente, è una cima. Che poi ce ne siano altre che non pubblicano su YT è possibile.
La fuori è pieno di talenti che fanno cose spettacolari con i mezzi più vari. Ma sono anche convinto che quello che si vede su internet è solo la punta dell'iceberg. Tuttavia se una cosa è notevole è notevole a prescindere che ce ne siano altre mille, che se ne stanno nascoste e che non si possono apprezzre.
Tutto il discorso è da prendersi al netto del valore artistico. Valore artistico che comunque secondo me è sempre presente in quantità magari minima, variabile a seconda degli artisti e dei lavori.
Non mi sento di dire automaticamente una cosa tipo: quello sta facendo del banale iperrealismo quindi è una capra. Mi viene da portare rispetto, da chiedermi come fa, anche se poi non seguo quella strada. Così come ammiro chi suona magistralmente la K545, ma purtroppo non riuscirebbe mai a scriverla.

RIguardo al divertimento io penso all'opposto, cioè che lei si diverta molto, altrimenti sai che noia e che tormento dover ogni volta stare su quegli standard qualitativi.  incudine
Non è certo un artista michelangiolesca, che si spezza la schiena sulla Sistina; parte da un punto e completa il disegno, come un pantografo a colori, sbattendosene praticamente di qualsiasi considerazione artistica che non sia inquadrare bene il ritratto nel foglio, e poco altro. E come lei mille altri. Probabilmente andrebbe nel panico se dovesse disegnare dall'immaginazione, o farebbe fatica a inventare qualcosa di più astratto.


Citazione:Poi non ci trovo nessuna abilità oltre a quella di copiare pedissequamente da una foto ogni inutile dettaglio....

E dici poco. carraro  Il punto è che copiare pedissequamente da una foto ogni inutile dettaglio A QUEI LIVELLI, come fa lei ed alcuni altri (non poi tanti tra quelli noti) è cosa rimarchevole e degna di attenzione. Per esempio trovo letteralmente stupefacente che un artista della matita, anche solo di stile realistico, non si chieda quale sia la sua tecnica, e passi quasi con noncuranza sopra a questo argomento (ma non mi riferisco a nessun utente, parlo di un atteggiamento di sufficienza insito nella natura umana, come se avere le basi che ha lei non fosse qualcosa di invidiabile e sopratutto augurabile) Se poi la sua tecnica si scopre ridursi quasi a nulla, ed quasi tutto è talento, allora va bene, basta appurarlo. (ma faccio un discorso puramente teorico adesso, il caso specifico mi interessa relativamente)
Allora mi si dirà che basta istruire una persona e quella, in tot anni,  sarà capace di emulare il risultato...molto bene, fatemela vedere e io applaudirò chiunque sia, così come potrei appludire chi, dopo un percorso di vita e di arte, lungo, o corto grazie al talento, suona in modo impeccabile la KV 545...quindi nulla di eccezionale eppure qualcosa di nn comune.
Abbiamo punti di vista profondamenti differenti. Per me il disegno e la pittura sono un'arte d'intelletto e opera creativa, dove per creativa non intendo qualcosa fatto con "creatività" (o fantasia, come dicono alcuni) ma perchè dietro al lavoro fatto con le mani c'è la creazione/invenzione di un'immagine. Un ritratto (realista, iperrealista, superrealista, -ista, e altri ismi) di un Brad Pitt, Jack Nicholson, john Lennon o  David Bowie (o qualsiasi altro personaggio famoso) non mi dice proprio nulla.
Ammirerei di più il fotografo che ha scelto la posa, ha scelto dove posizionare le luci , trucco ecc. Il fotografo è il vero artista che ha creato qualcosa, un'immagine nuova ! E' il fotografo che ha -pensato- . Non do nessun merito a chi ha riprodotto l'immagine il quale, oltretutto, deve aver tenuto conto dei diritti di copyright della fotografia.
In più se disattivo Adblock sul mio browser (che mi blocca le pubblicità) e ricarico la pagina, vedo che al secondo 0:10 ha inserito un banner pubblicitario (il trattino gianno lo indica) e quindi il suo video (e disegno) sono fonte di guadagno fatti su una fotografia scattata da terze parti - a meno che non conosca Bowie- e quasi certamente con diritti riservati.
Per me il disegnatore ha perso solo molte ore a muovere la mano.

Diversamente posso apprezzare il disegnatore che utilizza più riferimenti prendendo da essi ciò che gli serve per il suo lavoro oppure quello che si, copia da foto, ma da una foto che lui stesso ha scattato (se è un ritratto di David Bowie la vedo dura...) e inventato poichè ha scelto le luci, colori, la posa, composizione (che non è solo la scelta di piazzare il testone al centro o un po' più sotto Smile )
Anche in passato gli artisti hanno usato espedienti vicini alla fotografia (come la camera lucida per es.) e magari ricalcato la proiezione sul supporto. Poco importa, sono stati comunque loro gli autori di quell'immagine (idea, non solo l'esecuzione), delle scelte compositive, delle luci, hanno scelto loro dove e come piazzare il modello ecc come quegli artisti che usano la macchina fotografica in studio.

Sempre in passato gli artisti lottarono molto a far riconoscere il proprio lavoro come attività d'intelletto, al pari dei compositori, poeti, aldilà del semplice artigianato. Per esempio a Roma si organizzarono nell'Accademia di San Luca..

La tecnica l'ho notata, ma non ne ho parlato perchè non mi ha detto nulla di nuovo (non l'ho sorvolata Tongue) C'è un disegno già fatto (abbassa lo schermo e lo noti di più); nel video non ha messo la parte in cui ha disegnato, potrebbe aver usato persino una carta copiativa o aver speso ore tra mille cancellature, poi per pochi secondi aggiunge alcune linee superfluee al disegno - forse per dargli più credibilità -;inizia quindi con i toni scuri (traccia i contorni), colore locale, sovrappone delle tinte, sfuma un pochino, usa gomma elettrica (un oggettino che non ho mai compreso), riprende alcuni bianchi con il bisturi ecc.. Roba ordinaria. Tu magari mi dirai -si roba ordinaria ma fatta magnificamente-. Esatto, magari proprio come un "artigiano" (cinese,trattato con meno dignità di una macchina) che fa souvernir del colosseo e a furia di farli ed esercitarsi gli escono davvero bene. Ok ok

Io do il primato alla fase di "invenzione" piuttosto che alla tecnica. Questa si è importante, è la grammatica che ci permette di esprimerci figurativamente. Ma senza un'idea (che sia spettacolare o banale, l'importante è che sia pensata da noi) sarebbe come essere un linguista, ma muto o senza mani per poter scrivere.

Poi Guercino, paragoni questa ragazza (è gnocca, almeno questo  asd  ) a un esecutore della kv 545 di Mozart! Allora il capolavoro altissimo è la fotografia del fotografo (la kv545) e lei l'esecutrice. Gli esecutori -da quel poco che so- seguono una parte "oggettiva" (ritmica, tempo, note ecc) ma hanno una personalità distinguibile, almeno da chi ha orecchio e ne capisce. Qui non vedo nulla che fa distinguere questo disegno da tutti gli altri ritratti di divi "realisti" che trovo qui, sull'Interniente, o altrove. Eh sono tanti, fidati. Tra i ragazzi della mia età che disegnano un buon 50 per cento si dedica alla copia fedele da foto (scattate da altri).

"Tuttavia se una cosa è notevole è notevole a prescindere che ce ne siano altre mille, che se ne stanno nascoste e che non si possono apprezzre.Tutto il discorso è da prendersi al netto del valore artistico."

Sicuramente. Però se ci sono altre migliaia di persone che fanno la tua stessa cosa il tuo lavoro manca di originalità e non desta il mio interesse. Io giudico il valore artistico nell'opera del fotografo al massimo.

Piuttosto che scomodare gli esecutori di Mozart (la buonanima, non me ne voglia  carraro ),io prendo come paragone un designer, per esempio uno stilista, che sviluppa la sua idea, il suo concept, e la manda in produzione. Poi magari ci sono le sarte (o le macchine) che riproducono l'idea in serie. Però lo fanno bene facepalm



In più l'osservatore medio - che non pratica il disegno - e che apprezza questi lavori realistici (iperrealistici et similia) magari è lo stesso che dice che l'arte e la pittura son morte con l'invenzione della fotografia.
Secondo me la pittura deve liberarsi da questo paragone con l'arte fotografica, se diventa conseguenza di essa resta subordinata ad essa. Dunque la pittura è morta. Per me questi esempi non toccano neanche il gradino più basso dell'arte. E' semplice artigianato, che a sua volta va differenziato in quello più "creativo" (nel senso che è dotato di inventiva) e in quello legato unicamente alla produzione.

Ovviamente la pensiamo in modo diverso e secondo il nostro gusto personale, certamente frutto delle nostre esperienze, studi, letture, personalità, istruzione ecc Pertanto se ho detto, o lasciato intendere, che questo o quello è noioso, è bene sapere che era un'opinione personale. Incominciare ogni frase con "secondo me" risulta borioso.

Comunque sono sempre contento di potermi confrontare con posizioni diverse dalle mie. Credo che siano proprio questi confronti a rendere un "forum" una vera piazza, luogo di scambio di informazioni ma soproattutto di incontro di idee.
Premessa per il lettore interessato solo all'argomeno del topic: in questo post mi dilungo solo su aspetti teorici sull'arte artigianato e simili..e solo molto marginalmente a quelli tecnici...per cui evitate se non siete interessati anche a quelli..o meglio, a conoscere le mie opinioni asd
Lo premetto perché a volte mi capita di andare su discussioni in altri forum che poi finiscono a parlare di aspetti secondari.




Citazione:Abbiamo punti di vista profondamenti differenti. Per me il disegno e la pittura sono un'arte d'intelletto e opera creativa, dove per creativa non intendo qualcosa fatto con "creatività" (o fantasia, come dicono alcuni) ma perchè dietro al lavoro fatto con le mani c'è la creazione/invenzione di un'immagine. Un ritratto (realista, iperrealista, superrealista, -ista, e altri ismi) di un Brad Pitt, Jack Nicholson, john Lennon o  David Bowie (o qualsiasi altro personaggio famoso) non mi dice proprio nulla.



Si li abbiamo diversi... perché per me un ritratto come quello sopra, e con tutti gli -ismi che si vuole, è già un opera d'intelletto e creativa, in una certa misura. Provenendo essa da un essere umano. Se è fatto con le mani, se è opera di alto artigianato, è fatto per forza di cose con il cervello, perlomeno con la parte meno arzigogolata di esso e come tale un fenomeno naturale. Qualcosa da ammirare. L'artista macchina che si sostituisce alla macchina fotografica per me è in qualche modo un artista, anche se di tipo diverso da un artista 'alla Picasso''.
Che poi il ritratto perfettino di un personaggio famoso, su un piano emotivo ed intellettuale, non dica niente nemmeno a me, è un discorso lggermente diverso. Le opere che mi emozionano di più sono altre, ciononostante c'è della bellezza anche nella bravura tecnica e nel virtuosismo manuale...e non vedo perché denigrare queste quando nel mondo c'è spazio per tutto.
Non mi affiancherò mai a quella linea critica tanto dotta che vede nell'animale realizzato con precisione maniacale e fino all'ultimo pelo un opera senza nessun valore.


Citazione:Ammirerei di più il fotografo che ha scelto la posa, ha scelto dove posizionare le luci , trucco ecc. Il fotografo è il vero artista che ha creato qualcosa, un'immagine nuova ! E' il fotografo che ha -pensato- . Non do nessun merito a chi ha riprodotto l'immagine il quale, oltretutto, deve aver tenuto conto dei diritti di copyright della fotografia.


Mah..non sono d'accordo per niente. Per me ha hanno pari dignità, entrambi hanno creato qualcosa di nuovo. L'assunto di base è che l'artista iperealista non è mai una macchina, ma in qualche modo anche lui filtra l'immagine per una forma di pensiero/azione. Il pittore crea un oggetto a tre dimensioni che prima non esisteva. Certo che il fotografo PUO' essere più creativo di un pittore iperrealista.

Nn dar merito a chi copia perché non ha comprato i diritti della foto ha un certo senso, perché se uno si facesse la foto da solo aggiungerebbe valore. Ma nella pratica non li compra nessuno i diritti..inoltre sarebbe impossibile fare una foto a David Bowie, anche perché defunto incudine . Ma sopratutto avere una foto originale non è quello che interessa a miriadi di aspiranti pittori iperrealisti-realisti, quel che importa è solo copiare bene una foto X, in quello sta l'esposizione delle abilità e il piacere creativo ai livelli di cui si parla.
Il mondo dell'arte amatoriale è composto in gran parte da persone che inseguono ne più ne meno questi risultati, che vogliano copiare un opera antica o una foto moderna fatta da altri,o un paesaggio dal vero. Solo che poi si fatica ad ammettere che, se lo si vuol fare in modo impeccabile e con maestria, sarebbe saggio conoscere come fa chi già ci riesce, e magari ha solo 20 anni. Che si tratti di matite o olio o tempera o qualunque altra cosa.



Citazione:In più se disattivo Adblock sul mio browser (che mi blocca le pubblicità) e ricarico la pagina, vedo che al secondo 0:10 ha inserito un banner pubblicitario (il trattino gianno lo indica) e quindi il suo video (e disegno) sono fonte di guadagno fatti su una fotografia scattata da terze parti - a meno che non conosca Bowie- e quasi certamente con diritti riservati.
Per me il disegnatore ha perso solo molte ore a muovere la mano.


Visione estremista e per me assurda. nono  In realtà ha mosso per ore la mano come la muoverebbe un grande violinista sul violino, suonando magistralmente per esempio la K. 301. Big Grin


Citazione:Diversamente posso apprezzare il disegnatore che utilizza più riferimenti prendendo da essi ciò che gli serve per il suo lavoro oppure quello che si, copia da foto, ma da una foto che lui stesso ha scattato (se è un ritratto di David Bowie la vedo dura...) e inventato poichè ha scelto le luci, colori, la posa, composizione (che non è solo la scelta di piazzare il testone al centro o un po' più sotto Smile )
Anche in passato gli artisti hanno usato espedienti vicini alla fotografia (come la camera lucida per es.) e magari ricalcato la proiezione sul supporto. Poco importa, sono stati comunque loro gli autori di quell'immagine (idea, non solo l'esecuzione), delle scelte compositive, delle luci, hanno scelto loro dove e come piazzare il modello ecc come quegli artisti che usano la macchina fotografica in studio.


Su questo sono d'accordo, sarebbe un plusvalore se chi copia da una foto scattasse in proprio la foto stessa. Ma, come dicevo prima, dipende anche dagli obiettivi che uno si pone..forse la ragazzotta americana a cui è dedicato il topic nemmeno interessa che i suoi disegni siano considerati arte a tutti gli effetti e da tutti i punti di vista. Di fatto però li vende bene credo, ha i suoi collezionisti e probabilmente ci campa.


Citazione:La tecnica l'ho notata, ma non ne ho parlato perchè non mi ha detto nulla di nuovo (non l'ho sorvolata Tongue) C'è un disegno già fatto (abbassa lo schermo e lo noti di più); nel video non ha messo la parte in cui ha disegnato, potrebbe aver usato persino una carta copiativa o aver speso ore tra mille cancellature, poi per pochi secondi aggiunge alcune linee superfluee al disegno - forse per dargli più credibilità -;inizia quindi con i toni scuri (traccia i contorni), colore locale, sovrappone delle tinte, sfuma un pochino, usa gomma elettrica (un oggettino che non ho mai compreso), riprende alcuni bianchi con il bisturi ecc.. Roba ordinaria. Tu magari mi dirai -si roba ordinaria ma fatta magnificamente-. Esatto, magari proprio come un "artigiano" (cinese,trattato con meno dignità di una macchina) che fa souvernir del colosseo e a furia di farli ed esercitarsi gli escono davvero bene. Ok ok


Roba ordinaria. facepalm Leggo un po' di denigrazione tra le righe, quasi fosse una bazzecola disegnare così. Quanti esempi puoi presentarmi, pescando tra te o i tuoi amici o perfino in rete, che sanno fare altrettanto? Ebbene, se non siete poi in molti significa che è cosa abbastanza  rara, un po' come arrivare a farsi pagare per incidere e suonare, impeccabilmente, la k.545 asd
Ma del resto è vero,  è il discorso che facevo nel primo post: roba ''ordinaria'' ma fatta magnificamente. La differenza con quel che dici sopra è che quello che fa lei (e altri) per me non sono affatto da considerarsi alla stregua di souvenir stampati del Colosseo.



Citazione:Io do il primato alla fase di "invenzione" piuttosto che alla tecnica. Questa si è importante, è la grammatica che ci permette di esprimerci figurativamente. Ma senza un'idea (che sia spettacolare o banale, l'importante è che sia pensata da noi) sarebbe come essere un linguista, ma muto o senza mani per poter scrivere.


Ma anche io do il primato all'invenzione, ma la tecnica viene subito dopo, non che debba andare all'ultimo posto solo perché non può essere la prima.



Citazione:Poi Guercino, paragoni questa ragazza (è gnocca, almeno questo  asd  )


L'omogeneità dei risultati artistici si estende anche alla gnocchezza.. asd infatti non è la sola e non è nemmeno la più gnocca.  
Come già da tempo è stato rilevato da qualcuno  le donne sono attualmente onnipresenti nel campo delle arti applicate, in numero forse superiore agli uomini, e questa è una cosa x, rispetto al passato.


Citazione:a un esecutore della kv 545 di Mozart! Allora il capolavoro altissimo è la fotografia del fotografo (la kv545) e lei l'esecutrice.

Si, è un po' così che la intendevo, anche se non esattamente. Il capolavoro non esiste (perché quella foto di Bowie non è un capolavoro) ma però esiste il grande esecutore. Poteva essre una foto qualsiasi. Contestualmente l'unica cosa che conta è riprodurla bene, in questo lei è un ottima ''pianista''.


Citazione:Gli esecutori -da quel poco che so- seguono una parte "oggettiva" (ritmica, tempo, note ecc) ma hanno una personalità distinguibile, almeno da chi ha orecchio e ne capisce. Qui non vedo nulla che fa distinguere questo disegno da tutti gli altri ritratti di divi "realisti" che trovo qui, sull'Interniente, o altrove. Eh sono tanti, fidati. Tra i ragazzi della mia età che disegnano un buon 50 per cento si dedica alla copia fedele da foto (scattate da altri).

Non sono d'accordo, tra i più 'evoluti' ci sono piccole variazioni anche tra un iperrealista e un altro. Mettiamola così, sono ottimi esecutori meccanici, ma hanno leggere differenze uno dall'altro. Anche la scelta dei soggetti ,per esempio animali o ritratti crea una leggera distizione.


Citazione:Tra i ragazzi della mia età che disegnano un buon 50 per cento si dedica alla copia fedele da foto (scattate da altri).

Non ci vedo alcun male nel fare questo...


Citazione:Piuttosto che scomodare gli esecutori di Mozart (la buonanima, non me ne voglia  carraro ),io prendo come paragone un designer, per esempio uno stilista, che sviluppa la sua idea, il suo concept, e la manda in produzione. Poi magari ci sono le sarte (o le macchine) che riproducono l'idea in serie. Però lo fanno bene

Naa, paragone sbagliato, secondo me.
Rimango con il mio caro amico Mozart  rock Che è talmente grande (molto più grande di Beethoven e Bach tra l'altro, e lo dico sopratutto ai cari fan di Beethoven asd ) che puoi sbatterlo e stroppiciarlo quanto vuoi, portarlo anche all'inferno al limite, ma non si macchia mai, si adatta a tutto..

Lei esegue benissimo un pezzo, non solo bene...ma non è una compositrice.


Citazione:Dunque la pittura è morta. Secondo me la pittura deve liberarsi da questo paragone con l'arte fotografica, se diventa conseguenza di essa resta subordinata ad essa. Per me questi esempi non toccano neanche il gradino più basso dell'arte. E' semplice artigianato, che a sua volta va differenziato in quello più "creativo" (nel senso che è dotato di inventiva) e in quello legato unicamente alla produzione.


Secondo me parti da un principio sbagliato. La pittura che imita la fotografia non è per forza subordinata ad essa. 


Citazione:Per me questi esempi non toccano neanche il gradino più basso dell'arte. E' semplice artigianato, che a sua volta va differenziato in quello più "creativo" (nel senso che è dotato di inventiva) e in quello legato unicamente alla produzione.

Sono profondamente contrario al fatto che non toccano i gradini più bassi dell'arte.
E'  artigianato, ma di alto livello, la creatività sta nell'uso del mezzo tecnico più che nel risultato artistico.
Sono poi d'accordo che esiste un artiginato dotato di più inventiva, a volte fatto con una tecnica scadente, voluta o meno.


Citazione:Ovviamente la pensiamo in modo diverso e secondo il nostro gusto personale, certamente frutto delle nostre esperienze, studi, letture, personalità, istruzione ecc Pertanto se ho detto, o lasciato intendere, che questo o quello è noioso, è bene sapere che era un'opinione personale. Incominciare ogni frase con "secondo me" risulta borioso.

Ma certo, anche le mie sono opinioni. Il ''secondo me'' io lo uso spesso ma in realtà non ci sarebbe bisogno perché è implicito che chiunque scriva il suo pensiero su un forum espone solo il suo punto di vista. Tuttavia a volte lo metto, quasi senza pensarci, proprio per non dare l'impressione di essere borioso (invece per te, è borioso il metterlo, la qual cosa è inusuale)
Il punto è che sia che lo metti o che non lo metti chiunqua si esponga (e a maggior ragione se lìintervento è lungo) risulta in qualche modo e misura borioso.


Citazione:Comunque sono sempre contento di potermi confrontare con posizioni diverse dalle mie. Credo che siano proprio questi confronti a rendere un "forum" una vera piazza, luogo di scambio di informazioni ma soproattutto di incontro di idee.

Certo. Preciso che ho scritto tutto questo senza acrimonia e mi scuso per la lunghezza del post. Comunque sarà contento Alfio che vuole che si parli in abbondanza asd
Eh si, purtroppo mi piace scrivere e a volte riesco ad essere particolarmente prolisso. Non farmene una colpa carraro
Non sono riuscito a convincerti, ma va bene lo stesso. Meglio lasciare il  topic a utenti piū interessati ai lavori di questa ragazza
a mio parere la verità sta nel mezzo.
io lavoro soprattutto con le matite colorate e sì, la tecnica che usa questa ragazza mi incuriosisce e mi interessa. Onestamente non so se sarei in grado di replicare qualcosa fotorealisticamente, forse sì, forse no, non ci ho mai provato perchè credo ci vorrebbe troppo tempo e perchè non mi interessa molto avere una copia di una foto (sennò avrei fatto il fotografo e buonanotte).
la sua tecnica mi interessa perchè potrei trovare delle idee utili da applicare ai miei di lavori.

sulla copia di foto nemmeno io ci vedo nulla di male, anzi. non siamo tutti fotografi e realizzare un ritratto basato su una foto "normale" ma riuscendo a far trasparire la personalità del soggetto e al contempo quella dell'artista a me sembra un bellissimo traguardo.
come sapete io lavoro soprattutto con ritratti di animali domestici e spesso mi capitano foto tremende (scure, mosse, sfocate, sovraesposte, parzialmente coperte da altri soggetti, ecc), inoltre, assieme alle foto richiedo sempre una descrizione del carattere dell'animale (pigro, indolente, pestifero, mordace, ecc): da lì subentra l'attività che va oltre il mero replicare la foto. Cerco di tirar fuori il meglio dalla fotografia e nel frattempo di caratterizzarla in modo che guardando l'opera finita si possa dire "ehi! quello è il MIO cane/gatto/criceto/ecc!!!" e non "uh, che bel persiano/pastore tedesco/boxer/ecc, sembra il mio".
tra "è il mio" e "sembra il mio" secondo me c'è grande differenza: la stessa tra il replicare una foto e fare un ritratto del soggetto che c'è in quella foto.
(17-01-2018, 04:43 PM)Modula-2 Ha scritto: [ -> ]Eh si, purtroppo mi piace scrivere e a volte riesco ad essere particolarmente prolisso. Non farmene una colpa carraro

Ma no, io leggo volentieri i commenti un po' sostanziosi (penso che non si possa dire sempre tutto in un tweet, come va di moda adesso, poche righe è raro che bastino ad esaurire certi argomenti. Anche se non si dovrebbe nemmeno costringere l'altro in una lettura che sia più lunga dello strettamente necessario..e infatti quello è il difficile, scrivere quanto basta, che sia una o cento pagine) Ci sono utenti che leggerei per ore, sia per come scrivono che sopratutto per la sostanza.
E comunque quello che dici di te sembra la mia descrizione carraro

Citazione:Non sono riuscito a convincerti, ma va bene lo stesso. Meglio lasciare il  topic a utenti piū interessati ai lavori di questa ragazza

Non credo che arriveranno però il topic esiste, se qualcuno vuole intervenire in futuro. COme dicevo prima ce ne vorrebbe uno analogo per molti dei pittori vissuti e viventi, tipo: la tecnica del Guercino ( asd )..o la tecnica di Annigoni con le tempere..ecc. Voglio dire, di cose da imparare ce ne sono, credo eh ahem
Pagine: 1 2 3 4 5 6